martedì 20 maggio 2014

Ricamo- rammendo

 

 
Sotto una di queste farfalle c'è nascosto un  "buchetto" che si era formato sulla tovaglia di fiandra che anni fa comprai al mercato americano.
Dopo averla usata per l'ennesima volta, coprendo il "buchetto " con qualche strategia, una mattina di sole mi sono decisa a  rammendarla e così l' ho coperto  ricamandoci sopra  una farfalla. Poiché una mi sembrava troppo sola, ho pensato di ricamarne altre tre a formare un rettangolo, unite tra loro da un filo di aria a punto indietro . Infine ne ho ricamata un'altra, una quinta, al centro del rettangolo formato e così....le ho fatte giocare ai quatto cantoni, quel vecchio gioco che tanto mi piaceva da bambina  

Non amo molto rammendare e quando erano piccoli i miei figli, risolvevo i problemi con le diverse toppe, già pronte e  in tutte le forme e colori, anche se la preferita era quella a forma di bandiera e del  nostro tricolore 

 A fianco alle iniziali che già ho trovato ricamate su di un lato della tovaglia che tanto mi affascinano e mi suggestionano,  ora ho ricamato anche quelle di mia figlia.
Per rammendare un piccolo foro vicino al grappolo d'uva  della " tovaglia della frutta "  (così i miei figli piccoli chiamavano questa tovaglia di misto lino che mia zia mi ricamò con semplici disegni  di frutta)  ho ricamato una piccola ape.
 



Sotto il corpo di questa variopinta farfalla ho nascosto un strappo ahimè bello grande. Queste tovaglie di mistolino ricamate con semplicità , sono state ricavate da scampoli di tessuto acquistato a  metraggio e  utilizzato per le lenzuola del mio corredo, affinché tutto il tessuto  fosse utilizzato e   sistemato.
Insomma ogni tovaglia rammendata ha le sue farfalline, o fiori, o.........

12 commenti:

  1. Ma che bella idea che hai avuto!! Complimenti, ora la tovaglia è tornata nuova,
    e molto più carina.Belle anche le altre.

    RispondiElimina
  2. Quando ci si affeziona alle cose è difficile disfarsene per un buchetto, meglio aggiungere altro valore a quello che ha già. Le tue sono mani veramente esperte con l'ago, ne hai fatto un capolavoro!

    RispondiElimina
  3. ...anche a me non piace tanto rammendare...ma nemmeno buttare per un piccolo buchetto...la tua idea di "seminare" farfalle e altri preziosi ricami per coprire il segno lasciato dal tempo mi piace molto...solo che io non sarei brava come sei tu! Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia, Franca, complimentissimi!!

    RispondiElimina
  5. Ciao vorrei scriverti ma non riesco a trovare la tua mail.
    Per cortesia puoi scrivermela?
    Ti ringrazio molto!!!
    Ciao a presto
    Morgana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia mail è----talocco@libero.it------ ciao e buona giornata

      Elimina
  6. Anch'io ho ricamato fiorellini e farfalle, soprattutto sopra macchioline e piccoli rammendi di magliette e pantaloncini dei miei figli, o meglio, di mia figlia, perché sono più femminili, ma i tuoi sono davvero molto belli. Brava.

    RispondiElimina
  7. Che bello questo post Franca Rita mi ricorda quando anch'io ricamavo tovaglie. Mi piace molto la farfalla grande....Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Belle!!! Ottimo sistema per rinnovare l'arredamento.....
    MGrazia

    RispondiElimina
  9. Ma sei bravissima il tuo è un rammendo creativo...che bella idea ..!!bacioni

    RispondiElimina
  10. Come mi piacerebbe saper ricamare come te!!!! Ma purtroppo....

    RispondiElimina
  11. Ciao FrancaRita e' bellissimo il risultato, così sono personalizzate ed uniche e si possono utilizzare ancora per parecchi anni.......anch'io lo faccio, oppure...a volte....ritaglio delle figure da pezzetti di cotone a fantasia e poi li applico con un punto nascosto........Buona giornata.

    RispondiElimina