lunedì 30 maggio 2016

Independence day edizione primaverile

Questo post, realizzato quasi in concomitanza con i piatti del post  precedente,  sembra quasi dimostrare che io non pensi ad altro che a mangiare e al mangiare!  Non è proprio così!  La domenica mattina, se stiamo a casa e vengono i figli, quasi sempre faccio la pasta . Attualmente, da un po' di tempo  la faccio con un misto di farine, qui ho messo  un pugno di quella di kamut e uno di quella integrale; beh... la farina la compro sono finiti i tempi in cui  lasciavamo nel magazzino   quintali di grano per poi portarli al molino per riportarci la farina !!! Anche per le uova faccio un misto : due di gallina, tre di faraona e uno o due di oca . Nonna diceva sempre che con  le uova di papera ( oche , anatre...) l'impasto veniva meglio, legava di più.  Non so' cosa volesse dire ma le mie oche le fanno e io in qualche modo le utilizzo.
.... ho aggiunto anche un mezzo guscio d'uovo di vino bianco, perché anche questo secondo lei ci stava bene 
L'ho tirata con la mia vecchia macchinetta "Imperia",  però poi l' ho tagliata a mano
A fianco, due zucchine dell'orto grigliate, non ho fatto neanche in tempo ad aggiungere un po' di prezzemolo e aglio che i miei figli se le sono divise  così con solo olio e sale ...Affamati...affamati  di cose di casa!!! 
Intanto mio marito ha preparato il condimento per la pasta: asparagi dei nostri campi , cipolla dell'orto e qualche pomodoro dell'orto che conservo in congelatore per usarli così quando devo dare solo un po' di colore ...Ovviamente sale e abbondante olio nostro...
Sulle nostre tavole non manca quasi mai la mozzarella di bufala: è un prodotto tipico locale, prodotto nei diversi allevamenti e caseifici a conduzione familiare della zona e la domenica è difficile trovarle. perché finiscono per la gente di passaggio!!! 
l'insalata dell'orto e la frittata con le cipolle dell'orto...Nell'insalata ho messo anche dei  carciofini tagliati che ho preparato un po' di giorni fa... facendoli bollire per sette minuti in  acqua e aceto, aceto  di vino andato male ...metà acqua e metà aceto ....
La crostata è con la marmellata di feijoa, l'ultimo vasetto. La pasta frolla l'ho preparata sempre secondo una ricetta che tanti anni fa presi dalla rivista " gioielli di rakam" senza lievito chimico e che ho più volte descritta nel mio blog.
Per la frutta come al solito ci accomodiamo in giardino: quest'anno ci sono state poche ciliege ma tante dolcissime nespole, un po' piccoline, così  che non essendo proprio presentabili, non le ho regalate ma sono..... una tira l'altra...
Toh  chi prendeva il sole sul palo della staccionata dell'orto mentre fotografavo le nespole!!!!
Con questo post mi collego al blog condiviso  "un tuffo nell'insalata" per l'appuntamento  dell'Independence Day: giornata dell'indipendenza alimentare .

13 commenti:

  1. la tua pasta fatta in casa mi ricorda un'anziana signora che conoscevo vicina di casa, quando ero piccola mi intrufolavo nella sua cucina e tutte le domeniche preparava le fettuccine, anche lei aveva le papere e rigorosamente usava le loro uova, poi stendeva il tutto con il mattarello, non l'ho mai vista usare la macchina per stendere la pasta, ma faceva davvero un lavoro di fino e poi usava un cortello molto bello per tagliare le sue fettuccine che non ho mai visto da nessun'altra parte.. molto grosso, con la punta rettangolare... mi mangio le mani a sapere che non ho mai imparato... mi piaceva tanto guardare e riguardare.. ma non ho mai messo le mani in pasta.. forse non ho mai seriamente pensato che un giorno avrei potuto farlo io, la tua cucina mi ricorda la sua.. lei preparava invece un ragù molto stretto che si sposava benissimo con le sue fettuccine ruvide.
    adoro questo tipo di cucina!

    RispondiElimina
  2. Franca Rita è tutto buonissimo!! Che belle immagini... sanno proprio di casa, chissà che bello per i tuoi tornare a casa e trovare la tavola apparecchiata con tante delizie!! Certo che avete avuto una bella domenica di sole.. qui tanta pioggia invece, un po' mi fa comodo perché evito di bagnare ma dopo due giorni di pioggia non se ne può' più! Beata la lucertola che se ne sta al sole :)

    Buon inizio settimana

    RispondiElimina
  3. Quanta fantasia nella tua pasta !
    Noi seguiamo ligie la ricetta del professore ma sento che col tempo ci lasceremo prendere dalla tentazione di aggiungere un po' di vino pure noi !
    Sempre tante cose buone sulla tua tavola...il sugo di verdure è simile a quello che faccio i di questi tempi, ma la tua crostata deve essere proprio speciale.
    E quanto mi hai fatta ridere nel post precedente ! Sembri me che mangio mangio e quando il Capo mi dice di contenermi gli rispondo che tanto poi andiamo a camminare !
    Quanto mi piace camminare in questa stagione...non tornerei mai a casa...al mattino sul mare c'è quella luce meravigliosa e tutto quel lavorìo negli hotel e nei localini sulla spiaggia che si preparano per la stagione.
    Tra l'altro prima di partire abbiamo preso questa bella abitudine di fare colazione in uno di questi baretti sul mare e a me la brioche che mangio il sabato mattina sembra la più buona del mondo !
    Ci sei andata a vederlo il film di Virzì ?
    E' così bello che avrei voglia già di rivederlo.
    un abbraccio grande grande !

    RispondiElimina
  4. Accipicchiolina, che bella la tua pasta!!!
    Sono incantata come sempre dai colori e dai sapori e profumi (mi sembra quasi di sentirli) dei tuoi piatti!
    Prossimamente sul blog condividerò le tue ricette.
    Un bacione
    Francesca

    RispondiElimina
  5. mangiare è uno dei più grandi piaceri della vita perciò non ti crucciare , oltretutto hai riempito i miei occhi con tutto quel ben di Dio..complimenti per la pasta fatta in casa è un dono saperla fare io non credo di esserne in grado e che belle le tue domeniche molto curate.
    Per quanto riguarda la mozzarella di bufala che dire...splurp :) mia suocera è di caserta perciò ogni volta che scendiamo ne faccio belle scorpacciate.Simona

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia! E che fame che mi fai venire con queste foto...
    Ti ho mandato via email il mio indirizzo (chiedi a tuo marito, penso la mail sia la sua:-)
    Ciao!!!

    RispondiElimina
  7. Domenica tagliatelle è un classico pure qua, le faceva la mamma e ora le preparo io, rigorosamente a mano, uso ancora il vecchio mattarello che era della nonna!
    Le tue foto sono sempre una carezza al cuore, grazie
    Un abbraccio
    Lela

    RispondiElimina
  8. Come sempre tante cose buone sulla tua tavola e sopratutto genuine.
    Complimenti per la pasta fatta in casa.


    RispondiElimina
  9. Ma fantastiche le tue tagliatelle! Bellissimo post e bellissime foto, complimenti!!!!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
  10. Che belle (e che buone...) immagini FrancaRita: mi hai fatto venir voglia di pasta fatta in casa!
    Io non ho un vero e proprio orto, ma solo un "tetto" su cui coltiviamo erbe aromatiche e qualche piantina di pomodoro e zucchina..purtroppo i temporali quasi quotidiani e la grandine hanno distrutto tutto ...che pazza stagione!!

    RispondiElimina
  11. Ma che foto invitanti sulla vostra tavola ci sono sempre prelibatezze con quello che il vostro orto vi regala...la pasta fatta in casa con la vecchia imperia...mi ricordano mia nonna ,avevano un osteria e quanta ne faceva!!!Qua l'orto è in ritardo con tutta la pioggia...abbiamo solo 2 pomodorini piccoli piccoli ...il resto sta crescendo!!Devo cercare nei tuoi post la ricetta della crostata!!Buona continuazione di settimana!!Bacioni

    RispondiElimina
  12. ciao carissima, sono passata a salutarti ancora! intanto mi sono riguardata le tue foto :-)
    un bacione!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina